Castaner secondo Francesco

Con le sue meravigliose scarpe in corda, Castaner un brand proprio adatto all’estate: Francesco parlacene.

Francesco, al quale avevo già anticipato l’argomento, comincia a parlare di getto, lui stesso rapito dalla passione per quello che ci racconta

CASTANER” è un nome importante nel mondo delle calzature in corda. Ricordo quando, nel primo decennio del 2000, frequentavo l’ambiente fieristico internazionale come designer in affiancamento alla squadra di “BUTTERO”.

A Parigi eravamo vicini allo Stand di queste bellissime zeppe in corda: erano gli anni in cui la moda femminile era ispirata da “SEX AND THE CITY” e Manolo Blahnik e Carrie dettavano legge.”

Ci sono due cose di cui non ne hai mai abbastanza. Buoni amici e buone scarpe
(Sarah Jessica Parker, as Carrie Bradshaw in Sex and the City)

“Visto che mi avevi anticipato l’argomento, sono andato sulla pagina web di Castaner cercando ispirazione, qualcosa di nuovo da raccontarvi, et voilà, scopro che la signora Isabel ha appena iniziato una collaborazione proprio con Manolo.

I tempi cambiano, ma la moda è un ciclo ed in questo momento di estrema forza dei brand del lusso, dove moda e bello non sono necessariamente sulla stessa linea, c’è chi riesce ad abbinare tendenze e maestranze.

La linea è rappresentata in Italia, in un bellissimo Show Room, di Milano, operativo su varie filiali sparse per la città, ma il brand viene esposto proprio nel cuore della moda, in via MONTENAPOLEONE”.

Zeppa in corda Castaner Carina rojo

Castaner, la lavorazione

Francesco continua, parlaci dell’incredibile processo di lavorazione.

“La collezione si sviluppa interamente sulla corda: zeppe, linee basse, e tacchi, tutte sapientemente assemblate dalle macchine inventate nell’atelier di Castaner quasi 100 anni fa.

La Iuta viene ricercata alla fonte, India e Bangladesh, poi assemblata in matasse e successivamente tinta.

Durante la seconda fase avviene tramite l’intreccio della Iuta, come già vi ho descritto.

Il terzo passaggio viene definito ORDITO: la suola si lavora su un tavolo a forma di ruota e serve anche da stampo per l’intreccio della Iuta, la suola viene cucita attraverso un macchinario ideato da Tomas Serra, meccanico e cofondatore del marchio.

Poi si passa allo stampaggio; la suola in gomma varia a seconda del modello e del numero.

Vulcanizzando la suola viene ultimato il fissaggio eliminando ogni difetto o fessura, attraverso stampi esposti a temperature di 150°.

Infine, tra le caratteristiche di Castaner, ci sono i talloni, che nei modelli iconici sono realizzati in lino e cotone intrecciato al telaio, mentre le cuciture sono in molti modelli realizzate a mano.”

Francesco, dopo questa tua dissertazione, immagino sarà venuto a tutte le nostre lettrici gran voglia di vedere queste calzature in corda.

” Bene! Non vediamo l’ora di accoglierle tutte sul nostro shop on line ed in negozio per provare ed abbinare i modelli selezionati.”

Francesco, un’ultima battuta?

W l’estate!


Scopri la nostra offerta Castaner